5 Dinge, die Sie vor und nach der Neuformatierung Ihres Macs tun sollten

5 cose da fare prima e dopo la riformattazione del Mac

Pulire il disco rigido del tuo Mac è un compito diverso rispetto a qualche anno fa. Se usi macOS Big Sur, hai lo strumento di ripristino. Pertanto, riformattare il tuo Mac è più semplice rispetto al recente passato.

In questo post, ti diamo un elenco di cose da fare prima di riformattare il tuo Mac. Prima di ciò, ti diamo una carrellata dello strumento macOS Recovery.

Un primer sullo strumento di ripristino macOS

Apple ora rende il processo di riformattazione del tuo Mac un gioco da ragazzi. Negli anni passati, ci sarebbe stato uno stallo tra il disco rigido di backup, il programma di installazione automatica del Mac e persino i dischi di ripristino fisici. Inoltre, dovresti essere nella giusta modalità di avvio per eseguire il processo.

Ora, però, abbiamo macOS Recovery. In poche parole, questa Utility Disco è racchiusa in alcuni altri strumenti. Ha una bella interfaccia ed è un gioco da ragazzi rispetto alle versioni precedenti.

Sebbene ci sia molto da coprire sull’utilizzo di macOS Recovery, molto va oltre lo scopo di questo articolo. Tuttavia, ti invitiamo a dare un’occhiata La documentazione ufficiale di Apple, poiché è ben strutturato e informativo.

5 cose da fare prima e dopo la riformattazione del Mac

Nel complesso, un’installazione pulita del tuo Mac include il backup del sistema attuale, la rimozione delle istanze del tuo ID Apple dal sistema, la pulizia del disco rigido utilizzando macOS Recovery e la reinstallazione tramite Time Machine.

Pertanto, ci sono alcune cose che puoi fare prima e dopo. Entriamo nel merito!

1. Eseguire il backup dell’intero sistema

Il primo compito è eseguire il backup del sistema. L’approccio più integrato è utilizzare Time Machine.

Va notato che alcuni utenti hanno problemi con la soluzione nativa di Apple. Pertanto, ci sono una serie di altre soluzioni a tua disposizione. Tuttavia, per la maggior parte degli utenti, Time Machine “funziona e basta”.

Potresti già avere i backup automatici abilitati, quindi questo dovrebbe essere già ordinato. Tuttavia, è una buona idea eseguire un ultimo backup per catturare ogni file e cartella.

Per fare ciò, assicurati di selezionare “Mostra Time Machine nella barra dei menu” all’interno del pannello “Preferenze di sistema -> Time Machine”. Quindi, fai clic su “Esegui backup adesso” all’interno dell’icona di Time Machine nella barra degli strumenti:

Backup di un Mac tramite Time Machine.

Potrebbe essere necessario attendere un po’, ma una volta completato il backup, puoi passare a ulteriori attività amministrative.

2. Prendi i programmi di installazione per le tue app utilizzate più di recente

Una cosa grandiosa del backup con Time Machine è che il tuo sistema verrà preservato, comprese tutte le tue app e impostazioni. Tuttavia, è comunque una buona idea raccogliere tutti i programmi di installazione per le tue app più utilizzate, poiché ci saranno intoppi nel processo di ripristino che non prevedi e non saranno a causa di macOS Recovery.

Il nostro consiglio è di utilizzare Screen Time per verificare quali app utilizzi di più in una settimana.

L'app Screen Time.

Da lì, raccogli i tuoi installatori e esegui anche il backup. Potresti non averne bisogno, ma sarai felice di averli.

3. Raccogli tutte le licenze e i numeri di serie per le tue app

Un altro aspetto che potresti perdere è avere a portata di mano password, licenze e numeri di serie. Potrebbe essere che questi non vengano trasferiti durante il processo di ripristino, ma di nuovo, sarai felice di averli.

Ci sono molte fantastiche app che ti aiuteranno a memorizzare le chiavi, ma la cattiva notizia è che devi metterti al lavoro. Tuttavia, Bitwarden, 1Password e altri ti consentono di memorizzare informazioni importanti.

Il sito web di Bitwarden.

Dopo averli installati, archiviati nel tuo gestore di password, puoi continuare a lavorare sul processo di rimozione dell’autorizzazione.

4. Annulla l’autorizzazione delle app che utilizzano il tuo ID Apple

Apple ti dà molti consigli per “ripristinare le impostazioni di fabbrica” ​​della macchina questo vale anche per riformattare il tuo Mac.

In poche parole, vuoi uscire e rimuovere l’autorizzazione dal tuo computer da app come Apple Music, iMessage, iCloud, ecc. In effetti, qualsiasi app che utilizza un numero limitato di licenze dovrebbe essere nel tuo elenco qui.

Sebbene Apple Music potrebbe non aver bisogno del tuo input, se utilizzi iTunes, dovrai farlo. Inoltre, anche uscire da iCloud è una buona idea e puoi causare problemi tra i tuoi dispositivi se non rimuovi l’autorizzazione da iMessage.

Per le app di terze parti, controllando la cronologia degli acquisti potrebbe aiutarti a rimuovere l’autorizzazione di alcune app, sebbene, proprio come i tuoi numeri di serie, potresti dover scavare nelle tue e-mail o nei tuoi account per saperne di più.

5. Ripristina macOS, i tuoi file, cartelle e impostazioni

Una volta che hai tutto pronto, ti consigliamo di eseguire un altro backup (di nuovo per rilevare eventuali modifiche). In altre parole, qualunque cosa tu faccia, esegui il backup dell’ultima azione prima di riformattare il tuo Mac.

Per avviare la riformattazione:

1. Avvia il tuo computer in macOS Recovery:

  • Su un Mac con Apple silicio: scegli “Menu Apple -> Spegni”, tieni premuto il pulsante di accensione fino a visualizzare “Caricamento opzioni di avvio”, seleziona Opzioni, fai clic su Continua, quindi segui le istruzioni sullo schermo.
  • Su un Mac basato su Intel: scegli “Menu Apple -> Riavvia”, quindi tieni premuto immediatamente Comando + R.
Spegnimento di un Mac.

2. Nella finestra dell’app di ripristino, seleziona Utility Disco, quindi fai clic su Continua.

3. In Utility Disco, seleziona il volume che desideri cancellare nella barra laterale, quindi fai clic su Cancella nella barra degli strumenti.

4. Digita un nome per il volume nel campo Nome, fai clic sul menu a comparsa Formato e scegli APFS, quindi fai clic su “Cancella gruppo di volumi”.

5. Al termine del processo di cancellazione, fare clic su Fine, quindi scegliere “Utility Disco -> Esci da Utility Disco”.

6. Nella finestra dell’app di ripristino, seleziona “Reinstalla macOS Big Sur”, fai clic su Continua, quindi segui le istruzioni sullo schermo.

Il nostro ultimo consiglio ha a che fare con arresti anomali o blocchi generali. Questo è un problema poco documentato che può causare dolore. Ad esempio, ho dovuto reinstallare Big Sur su un MacBook Pro Intel e trasferire i dati tramite Time Machine su di esso.

Il processo ha richiesto alcuni tentativi e ci sono stati alcuni blocchi lungo la strada. È meglio utilizzare una connessione cablata a Internet, ove possibile, e dare il tempo di processo, soprattutto se stai trasferendo da una vecchia unità disco fisica come Time Capsule.

Per eventuali blocchi rigidi, dovrai spegnere il Mac tenendo premuto il pulsante di accensione. Da lì, riavvia normalmente e continua il processo.

Sommario

L’approccio di Apple per riformattare il tuo Mac sui sistemi moderni è un gioco da ragazzi che potresti voler eseguire un formato ogni settimana! Ovviamente, se non hai intenzione di farlo, la buona notizia è che usando macOS Recovery, puoi essere fatto e rispolverato in pochissimo tempo.

Se non sei sicuro delle diverse modalità di avvio del Mac, ne abbiamo parlato in passato. Hai qualche consiglio per riformattare il tuo Mac che non abbiamo trattato? Fatecelo sapere nella sezione commenti qui sotto!

Relazionato:

  • Come utilizzare il terminale macOS: una guida per principianti
  • Come aggiornare il tuo Mac usando il terminale
  • I migliori consigli per Mac per lavorare da casa