Apple lancia il programma di riparazione self-service per gli utenti

Apple lancia il programma di riparazione self-service per gli utenti

⌛ Reading Time: 4 minutes

È stato un po’ sorprendente vedere questa notizia rilasciata da Apple: la società tecnologica di Cupertino spedirà kit di riparazione ai clienti in modo che possano eseguire le proprie riparazioni. Apple lancerà “Riparazione in self service” all’inizio del prossimo anno.

Apple fa un annuncio a sorpresa

iPhone 12 e iPhone 13 saranno i primi dispositivi Apple inclusi nel Programma di riparazione self-service. Questo inizierà all’inizio del 2022 negli Stati Uniti e si estenderà ad altri paesi e computer Mac con chip M1 durante tutto l’anno.

Per un’azienda che opera completamente “in-house”, è piuttosto una sorpresa. Per anni ha avuto la politica che se aprissi il tuo dispositivo da solo, avresti invalidato la garanzia.

Ho comprato uno dei primi iMac nel 1999. Volevo aggiungere più memoria ma non volevo pagare per l’installazione da parte di Apple prima che venisse spedito. Ho seguito una guida online per farlo da solo e non sono mai riuscito a rimetterlo insieme nel modo giusto. Due giorni di vita, e ho dovuto aprire il vassoio del CD con un coltello da burro ogni volta dopo. Lezione imparata.

Ma Apple ha iniziato a cambiare idea. Sebbene i servizi di riparazione fossero disponibili solo tramite gli Apple Store e i fornitori di servizi autorizzati Apple, alcuni anni fa Apple ha lanciato il programma Independent Repair Provider, consentendo ai centri di assistenza di utilizzare parti, strumenti e formazione Apple originali.

Tuttavia, ha anche progettato gli iPhone in modo tale che se un utente si recasse in un piccolo negozio pop-up autorizzato per far riparare il proprio schermo, sullo schermo comparirebbe un messaggio invadente.

Schermata di riparazione self-service Apple

Tutto questo cambierà nel 2022. “La creazione di un maggiore accesso ai ricambi originali Apple offre ai nostri clienti una scelta ancora più ampia se è necessaria una riparazione”, ha affermato Jeff Williams, chief operating officer di Apple. “Negli ultimi tre anni, Apple ha quasi raddoppiato il numero di centri di assistenza con accesso a parti, strumenti e formazione originali Apple e ora stiamo offrendo un’opzione per coloro che desiderano completare le proprie riparazioni”.

La società ha anche affermato di “costruire prodotti durevoli progettati per resistere ai rigori dell’uso quotidiano”, il che implica che i prodotti Apple non dovrebbero comunque aver bisogno di molte riparazioni.

Come funzionerà la riparazione self-service?

Ciò che farà la riparazione self-service sarà offrire agli utenti Apple più opzioni. Se il loro dispositivo necessita di riparazione, possono portarlo in un negozio Apple, spedirlo ad Apple, portarlo a un fornitore di servizi autorizzato Apple o a un fornitore di riparazioni indipendente o ripararlo da soli se “sono in grado di eseguire le riparazioni da soli”.

Riparazione self-service Apple aperta

Per garantire che un utente sia in grado di eseguire la riparazione da solo, dovrà prima leggere un Manuale di servizio, presumibilmente online. Quindi effettueranno un ordine tramite l’Apple Self Service Repair Online Store per gli strumenti e le parti necessarie per completare la riparazione. Riceveranno un credito per il loro acquisto se restituiranno le parti e gli strumenti usati per il riciclaggio.

All’inizio saranno disponibili più di 200 parti e strumenti per le riparazioni comuni di iPhone 12 e 13.

Apple è stata spinta in questo programma?

È ovvio che questa non è una mossa che Apple ha gradito fare. Nel suo annuncio ha affermato che “La riparazione in self-service è destinata a singoli tecnici con la conoscenza e l’esperienza per riparare i dispositivi elettronici. Per la stragrande maggioranza dei clienti, visitare un fornitore di riparazioni professionale con tecnici certificati che utilizzano parti Apple originali è il modo più sicuro e affidabile per ottenere una riparazione.

Questo sembra un po’ contraddittorio con l’annuncio.

Ma questo è anche un momento in cui Apple deve aver sentito la pressione di più legislatori che spingono la legislazione sul “diritto alla riparazione”. Ciò costringerebbe le aziende tecnologiche a consentire agli utenti di riparare da soli i dispositivi.

Apple ha chiuso il suo annuncio di riparazione self-service affermando: “Progettando prodotti per durabilità, longevità e maggiore riparabilità, i clienti godono di un prodotto di lunga durata che mantiene questo valore per anni. Apple offre anche anni di aggiornamenti software per introdurre nuove caratteristiche e funzionalità”.

Scopri come risparmiare sulle riparazioni con un controllo di garanzia.

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.