Cum se adaugă integrarea Google Calendar la Ubuntu

Come aggiungere l’integrazione di Google Calendar a Ubuntu

⌛ Reading Time: 3 minutes

Stai utilizzando Google Calendar e desideri integrarlo nel tuo sistema Linux? Molto tempo fa questo non sembrava fattibile, ma con il passare del tempo alcuni ambienti desktop si sono presi la responsabilità di aggiungere la possibilità di ricevere notifiche da Google Calendar sul desktop. Per la maggior parte degli utenti, questo è sufficiente.

Tuttavia, coloro che si affidano al servizio di pianificazione di Google per svolgere un lavoro reale scopriranno che queste funzionalità integrate non sono all’altezza. Fortunatamente, c’è una soluzione a questo problema: Indicatore di Google Calendar. È un software decentemente invecchiato ma che funziona ancora perfettamente oggi.

Con esso gli utenti possono interagire con Google Calendar, visualizzare eventi e persino crearne di nuovi! Allora, come lo installi? Scopriamolo!

Installazione

È necessario aggiungere un PPA al sistema prima che l’indicatore di Google Calendar possa essere installato sul sistema. Ciò consentirà a Ubuntu di installare software al di fuori delle sue normali fonti software. Aggiungi il PPA a Ubuntu aprendo una finestra di terminale e inserendo il seguente comando:

L’archivio dei pacchetti personali è ora attivo su Ubuntu, ma non è tutto. Le sorgenti del software del sistema operativo devono essere aggiornate per riflettere le modifiche apportate. A tale scopo, eseguire questo comando di aggiornamento. Ciò garantirà che Ubuntu veda il nuovo PPA.

Infine, installa l’indicatore di Google Calendar nel sistema.

Configurazione

Apri il trattino Unity e cerca “indicatore calendario”, quindi avvialo. Apparirà una finestra con tre schede separate. Trova la scheda di accesso e fai clic su “Consenti l’accesso a Google Calendar”. In questo modo si apre una finestra di autenticazione di Google che richiede l’accesso al tuo account.

Se concedi all’indicatore del calendario l’accesso a Google, verranno caricati tutti gli elementi del calendario dell’utente. Fare clic sull’icona nel trattino per visualizzare gli elementi in un elenco rapido. Per impostazione predefinita, l’indicatore del calendario si sincronizza con i servizi Google ogni dodici ore e si accende all’avvio.

Per accelerare la sincronizzazione automatica, fai clic sull’icona nella barra delle applicazioni, quindi seleziona “Preferenze”. Trova “Opzioni” e cambia il numero da dodici a un altro numero (misurato in ore). In alternativa, fai clic sull’icona nella barra delle applicazioni e seleziona “sincronizza con Google Calendar” per aggiornare immediatamente l’indicatore.

Aggiunta di nuovi elementi del calendario

L’indicatore consente inoltre agli utenti di aggiungere direttamente le voci di Google Calendar. Per aggiungere un elemento al calendario, seleziona l’icona dell’indicatore, quindi fai clic su “aggiungi nuovo evento”. Questo fa apparire una finestra di creazione dell’evento. Usalo per compilare il titolo dell’evento, la data di inizio / fine e una descrizione dell’evento.

indicatore-calendario-aggiungi-nuovo-evento-2

Quando l’elemento è stato aggiunto, torna all’indicatore sul pannello e seleziona il pulsante di sincronizzazione per applicare le modifiche. Per visualizzare l’evento appena creato (o qualsiasi evento sul calendario di Google), seleziona il pulsante mostra calendario nell’indicatore.

calendario-vista-calendario

Conclusione

Google Calendar è forse uno degli strumenti di pianificazione più popolari in circolazione e per una buona ragione. Pochi dei suoi concorrenti sono così facili da usare né così prolifici. Tuttavia, per quanto prolifico sia il servizio, è difficile trovare una buona integrazione, specialmente su Linux.

Unity, Gnome e altri offrono già l’integrazione integrata con Google Calendar, ma lo fanno male e costringono un client di posta e calendario mediocre per farlo funzionare. L’utilizzo dell’indicatore del calendario è un’esperienza molto migliore per l’utente finale e fino a quando Canonical e altri non lavoreranno su un modo migliore per integrare il servizio, questo sarà il massimo che gli utenti otterranno.