Come controllare il vero bitrate dei tuoi file audio

Come controllare il vero bitrate dei tuoi file audio

⌛ Reading Time: 4 minutes

L’audio digitale è un argomento che emerge abbastanza frequentemente tra gli utenti di computer e per una buona ragione. Ci sono appassionati che non pensano all’acquisto delle migliori attrezzature e utenti quotidiani la cui unica considerazione è l’udibilità. Naturalmente, esiste anche il gruppo che non sapeva di voler conoscere la qualità audio.

I file vengono generalmente valutati in base al loro bitrate. Un MP3 a 320 kbps è ovviamente migliore di una versione a 128 kbps, giusto? Di solito sì. Ma non è difficile bluffare il bitrate e fuorviare gli ascoltatori attraverso “l’upscaling”. In effetti, l’upscaling a volte può danneggiare la qualità audio.

La codifica audio è un processo complesso, fornito dall’utente di Stack Overflow “vaxquis” un’intricata spiegazione di come funziona. Se trovi interessante l’argomento, la sua spiegazione è una delle più chiare disponibili.

Come si separa il grano dalla pula?

Inizia scaricando Parla, che è un analizzatore di spettro acustico. Ne esistono altri, ma abbiamo scelto Spek in base alla sua compatibilità multipiattaforma e alla sua natura libera. Spek è disponibile come file portatile in un .zip; abbiamo spiegato in precedenza il fascino di questi programmi.

Trascina un file nella finestra per Spek e attendi qualche istante mentre disegna un grafico. In fondo c’è il tempo di percorrenza della pista; a destra è il volume della traccia e, soprattutto, la frequenza visualizzata a sinistra.

In sostanza, i bitrate funzionano con la frequenza. Bitrate più alti preservano le frequenze più alte. 320 kbps si interrompe a 20 kHz, come mostrato di seguito. Il grafico è per una traccia a 320 kbps. Ci dovrebbero essere delle eccezioni, ma poiché ci sono solo pochi encoder standard, questo vale per la maggior parte.

Bitr-320 kbps-Audio

I file FLAC non perdono nessuna delle loro frequenze più alte, quindi sono noti come un tipo di file “senza perdita di dati”. Di seguito è mostrato un vero FLAC. Per molti audiofili, c’è poco sostituto dell’audio totalmente senza perdite.

Bitr-FLAC-Audio

Infine, dai un’occhiata a questa traccia. Notare il fatto che si interrompe a 10kHz. Questo è indicativo di un file a 96 kbps, poiché è lì che si interrompono. La maggior parte delle persone sarà in grado di determinare che un file a 96 kbps ha un suono più scadente della maggior parte degli altri bitrate.

Bitr-LowQuality-MP3

iTunes non è d’accordo quando confermiamo che la traccia è a 96 kbps. In effetti, ritiene che la canzone sia 192kbps. In altre parole, è stato migliorato per apparire come qualcosa che non è.

Bitr-Cruiserweight-FalseLettura

Ampliamento

Puoi vedere l’effetto dell’upscaling abbastanza facilmente se giochi con un software adatto. Abbiamo scelto di dimostrare l’utilizzo di Audacia; ancora una volta, è gratuito e multipiattaforma.

Bitr-LAME-Necessario

Dopo il primo tentativo di esportare un MP3, Audacity ti informerà che ha bisogno dell’encoder LAME. Scaricalo e mettilo in un luogo adatto.

Bitr-Track-Audacity

Torna ad Audacity e inserisci una traccia audio al suo interno.

Bitr-MP3-Opzioni

Renderizza la traccia come MP3 e seleziona “Opzioni” durante la finestra di dialogo “Salva”.

Bitr-Cruiserweight-FalseLettura

Infine, porta la canzone nel tuo lettore multimediale preferito e controlla i dettagli. È, apparentemente, una copia con bitrate più alto. Qualsiasi miglioramento riscontrato sarà un placebo: la traccia originale non ha mai avuto le frequenze di un vero file da 320 kbps e non sarà nemmeno in grado di ricrearle.

L’upscaling è facile e può essere molto fuorviante. Naturalmente, vede l’uso più frequente su file illegittimi. Se la qualità audio è importante anche un po ‘per te, non c’è nulla che possa sostituire i fornitori tradizionali come iTunes, 7Digital e Beatport o i CD.