Come importare ed esportare file OVA in Virtualbox

Come importare ed esportare file OVA in Virtualbox

Uno dei maggiori punti di forza nel lavorare con le macchine virtuali è la loro portabilità. È fantastico poter creare macchine virtuali su una macchina e spostarle su un’altra, oppure puoi creare e clonare un’intera distribuzione di macchine virtuali. Allo stesso tempo, puoi trovare macchine virtuali preconfigurate online che puoi importare in un attimo e iniziare subito a lavorare. Qui ti mostriamo come importare ed esportare file OVA in VirtualBox, che è un metodo per farlo.

VirtualBox rende tutto questo molto semplice. Se non hai familiarità, VirtualBox è la gestione delle macchine virtuali, chiamata hypervisor di tipo 2, per il desktop. È un’applicazione grafica che puoi utilizzare per creare e gestire facilmente le tue macchine virtuali sul tuo desktop o workstation. Non sono necessarie installazioni o configurazioni complicate.

VirtualBox funziona con file OVA (Open Virtual Appliances). Essendo che VirtualBox è open source, questo ha molto senso. Un file OVA è un pacchetto che contiene file utilizzati per descrivere una macchina virtuale, che include un file descrittore .OVF, file manifest opzionale (.MF) e certificato e altri file correlati. Il file OVA viene salvato in Open Virtualization Format (OVF), che è un formato standard utilizzato per impacchettare e distribuire software eseguito in macchine virtuali. I file OVA possono essere utilizzati su molte piattaforme di virtualizzazione, rendendo il trasferimento delle VM un gioco da ragazzi.

Importare un OVA

Quando hai VirtualBox in esecuzione, individua “File” nel menu in alto e fai clic su di esso, quindi seleziona “Importa dispositivo”. VirtualBox si riferisce alle macchine virtuali come appliance.

Virtualbox Import Export Import Ova Scelta di Ova

Si aprirà una nuova finestra con un campo per selezionare il file .ova. Cerca il file che desideri importare. VirtualBox impiegherà alcuni secondi per leggere le informazioni sul file.

Virtualbox Import Export Ova Import Impostazioni Vm

La finestra si sposterà su una tabella che ti consente di scegliere le impostazioni per il tuo dispositivo di prossima importazione. Da qui, puoi impostare le funzionalità chiave della macchina virtuale, come la quantità di memoria disponibile. Quando sei pronto, finisci e lascia che VirtualBox esegua il processo di importazione.

Al termine del processo, la VM sarà pronta per l’uso.

Virtualbox Import Export Ova importati

Esportare un OVA

L’esportazione di file OVA può essere ancora più importante dell’importazione. È un ottimo modo per eseguire il backup e acquisire istantanee delle tue VM. L’esportazione dei tuoi OVA ti consente anche di clonarli su più macchine o di eseguire istanze simultanee delle tue VM sullo stesso computer.

Torna al menu “File” e, questa volta, fai clic su “Esporta dispositivo”.

Virtualbox Import Export Ova Export Vm To Export

VirtualBox aprirà una nuova finestra con un elenco delle tue macchine virtuali disponibili. Seleziona la VM che vuoi esportare.

Virtualbox Import Export Ova Export Impostazioni Appliance 1

La seguente finestra consente di selezionare la posizione per il file OVA esportato. Questi file possono essere molto grandi, quindi assicurati di avere abbastanza spazio disponibile nell’unità di destinazione per supportare il file risultante.

Virtualbox Import Export Ova Export Impostazioni dell'appliance

La schermata successiva è quella finale del processo di esportazione. Un’altra tabella, ti consente di allegare alcune informazioni identificative e specifiche al tuo file prima di impacchettarlo. Generalmente, il nome e la descrizione sono quelli che utilizzerai, ma puoi certamente utilizzare i campi del prodotto più dettagliati per le VM che intendi distribuire.

Con tutto impostato, VirtualBox avvierà il processo di rollover della tua VM in un file OVA. A seconda delle dimensioni della VM, potrebbe essere necessario un po’ di tempo, ma in media alcuni minuti.

Ecco qui! Ora hai il pieno controllo dei tuoi file OVA. La capacità di spostare, duplicare e importare le tue macchine virtuali è inestimabile e ti offre flussi di lavoro VM molto più efficienti.

Se ti è piaciuto, assicurati di dare un’occhiata ad alcuni dei nostri altri contenuti di virtualizzazione, come le nostre guide sull’utilizzo di Vagrant e Virtual Machine Manager o sulla configurazione di una workstation di virtualizzazione.

Relazionato:

  • Come condividere dispositivi USB e di rete in VirtualBox
  • Come installare Windows in VirtualBox in Linux
  • VirtualBox vs VMware: il miglior software di virtualizzazione