Cum să redenumiți fișierele în Linux

Come rinominare i file in Linux

⌛ Reading Time: 5 minutes

La ridenominazione dei file non è un’operazione particolarmente avanzata; fintanto che è fatto su un piccolo numero di file, di solito non richiede strumenti speciali. Tuttavia, quando c’è un’intera cartella di foto della vacanza dell’anno scorso in attesa di essere rinominata, potrebbe essere saggio prendere in considerazione alcuni trucchi o app per risparmiare tempo.

Esistono due approcci generali alla ridenominazione dei file batch: può essere eseguita tramite l’interfaccia della riga di comando o utilizzando un’applicazione standalone. Gli utenti Linux sanno già quanto può essere potente la CLI, quindi non dovrebbe sorprendere che ci siano diversi comandi per rinominare i file.

Rinominare i file con il comando “mv”

Un modo semplice per rinominare file e cartelle è con l’estensione mv comando (abbreviato da “sposta”). Il suo scopo principale è spostare file e cartelle, ma può anche rinominarli, poiché l’atto di rinominare un file viene interpretato dal filesystem come spostarlo da un nome a un altro.

La seguente sintassi viene utilizzata per rinominare i file con mv:

“Nomefile1.ext” è il nome originale, “vecchio” del file e “nomefile2.ext” è il nuovo nome.

Lo stesso modello funziona per la ridenominazione delle cartelle. Se i file non si trovano nella cartella attualmente attiva, è necessario specificarne il percorso completo:

Nota che il file mv Il comando richiede l’autorizzazione di scrittura per la cartella contenente i file. Nel caso di file e cartelle di sistema, l’utente deve ottenere i permessi di root per rinominare i file anteponendo mv con sudo o su. Un ulteriore livello di protezione è fornito da -i Opzione (interattiva) che chiede all’utente di confermare la ridenominazione del file prima che venga effettivamente applicata.

C’è anche il file -v opzione (dettagliata) che elenca tutte le modifiche apportate da mv. Le opzioni sono scritte dopo mv ma prima dei nomi dei file.

Utilizzando il comando “rinomina”

Questo comando è leggermente più avanzato di mv perché richiede la conoscenza o almeno una familiarità di base con le espressioni regolari. Può sembrare spaventoso, ma non arrenderti rename ancora – può essere utilizzato per rinominare in batch semplici semplicemente seguendo tutorial come questo.

Il rename la sintassi è simile a questa:

La lettera “s” sta per “sostituto” ed è la parte principale dell’espressione regolare. Le virgolette singole attorno ad esso sono obbligatorie. Le opzioni disponibili sono:

  • -v (verbose: stampa l’elenco dei file rinominati insieme ai loro nuovi nomi)
  • -n (“Nessuna azione:” una modalità di prova o simulazione che mostra solo i file che verranno modificati senza toccarli)
  • -f (una sovrascrittura forzata dei file originali)

Il rename Il comando accetta anche caratteri jolly per rinominare più file dello stesso tipo e funziona anche con estensioni di file. Ad esempio, questo cambierebbe tutti i file con estensione .jpeg in .jpg:

Il simbolo del carattere jolly

significa che tutti i file nella cartella saranno interessati.

L’espressione regolare ha anche le sue opzioni (modificatori): “g” (globale; influenza tutte le occorrenze dell’espressione) e “i” (esegue la sostituzione senza distinzione tra maiuscole e minuscole). Sono scritti alla fine dell’espressione appena prima delle virgolette singole di chiusura e possono essere combinati:

Ciò si applicherebbe a tutti i file .jpg che contengono “DSC”, “dSC” e “dsc”: cambia quella parte del nome del file in “foto”. Tuttavia, a causa dell’opzione “-n”, il comando non rinominava i file ma li stampava semplicemente nella finestra della console.

La sostituzione non è l’unica cosa che questa espressione regolare può fare. C’è anche la traduzione – contrassegnata dalla lettera “y” – che può trasformare i nomi dei file a un livello più complesso. Viene spesso utilizzato per modificare le maiuscole del nome del file:

Ciò cambierebbe i nomi di tutti i file .jpg da minuscolo a maiuscolo. Per fare viceversa, cambia semplicemente le parti “oldname” e “newame” dell’espressione regolare. rename Usando il -n il comando si riduce a mescolare alcuni schemi di base per ottenere il risultato desiderato. Grazie al

opzione, gli utenti non dovranno mai mettere a rischio i loro file (o i loro nervi), poiché offre un’anteprima sicura e utile di come appariranno i file rinominati.

Métamorphose2

Métamorphose è un rinominatore di massa multipiattaforma di file e cartelle. Per coloro che preferiscono uno strumento GUI per eseguire operazioni di ridenominazione, Métamorphose è uno strumento abbastanza potente da utilizzare. È disponibile sia per Windows che per Linux. Per iniziare, vai a il suo sito web

e scarica il file di installazione per la tua distribuzione. Fornisce un file deb per la distribuzione basata su Debian e il pacchetto RPM per Fedora, Mandriva e SUSE. È anche disponibile in AUR in Arch Linux.

linux-rename-files-metamorphose-picker

linux-rename-files-metamorphose-picker

linux-rename-files-metamorphose-renamer

linux-rename-files-metamorphose-renamer

Infine, fai clic sul pulsante “Vai” nella parte superiore del riquadro inferiore per eseguire l’azione di ridenominazione. Se trovi un errore dopo aver rinominato, c’è un’opzione Annulla per annullare tutte le modifiche.

pyRenamer: la via più facile

Finalmente la soluzione che tutti gli utenti anti-console stavano aspettando: un’applicazione desktop dove tutto può essere fatto con un semplice clic del mouse. pyRenamer è uno strumento pazzo-potente per rinominare i file scritto in Python. Al momento il sito ufficiale sembra essere inattivo, ma gli utenti di Ubuntu e dei suoi derivati ​​possono ancora installare pyRenamer dai repository utilizzando il comando: In alternativa, puoi compilarlo usandoquesto codice biforcuto da GitHub

linux-rename-files-pyrenamer

linux-rename-files-pyrenamer

  1. L’interfaccia è composta da quattro parti:
  2. un browser di file con visualizzazione ad albero per la selezione di file e cartelle
  3. un riquadro di anteprima centrale che mostra i nomi dei file prima e dopo la ridenominazione
  4. un’area di controllo a schede per la scelta dei criteri di ridenominazione

la barra laterale Opzioni

linux-rename-files-pyrenamer3

linux-rename-files-pyrenamer3

Gli utenti avanzati apprezzeranno la capacità di pyRenamer di rinominare i file multimediali leggendo dai loro metadati. È anche possibile rinominare manualmente un singolo file quando una ridenominazione batch non è necessaria. mv In sostanza, pyRenamer avvolge la funzionalità di remove e

comandi in una GUI user-friendly. È un’ottima scelta per coloro che non sono sicuri delle proprie capacità CLI.

Se vuoi continuare a gironzolare sul tuo sistema Linux, potresti deviare la tua attenzione sulla nostra guida sulla trasmissione del tuo schermo Android su Linux? O forse possiamo mostrarti come reimpostare la tua password di root in Linux invece.

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.