Facebook ar trebui să aibă o limită de vârstă?

Facebook dovrebbe avere un limite di età?

⌛ Reading Time: 3 minutes

A metà dicembre 2015 l’Unione europea ha discusso una legge che vieterebbe di fatto a tutti gli adolescenti di età inferiore ai 16 anni di utilizzare i social media senza il consenso dei genitori. Questa disposizione legale richiederebbe a Facebook, Twitter e altri social network di modificare i propri sistemi per adattarsi ai nuovi standard per l’interazione online all’interno del continente europeo. Alla fine, il 18 dicembre, la legge non è stata approvata e la decisione di stabilire un limite di età tra i 13 ei 16 anni è stata lasciata a ciascuno Stato membro. Nonostante ciò, il dibattito ha portato molti a chiedersi se avrebbe dovuto essere applicato un limite di età e dove dovrebbe essere tale limite di età.

L’argomento per un limite di età

Dal 2006 Facebook ha stabilito un’età minima di 13 anni per l’utilizzo dei suoi servizi. La maggior parte dei social network ha seguito questo standard e il mondo ha vissuto per sempre felici e contenti. Negli anni 2010, sono sorte domande sul presunto pericolo di comportamenti predatori da parte degli adulti sugli adolescenti che utilizzavano queste reti. Gli adulti interessati sostengono che dovrebbe essere stabilita un’età minima perché gli adolescenti più giovani non esercitano un discernimento sufficiente quando si tratta di interazione umana. Sostengono essenzialmente che gli adolescenti sono molto più suscettibili alla manipolazione di qualcuno molto più grande di loro.

L’Unione Europea proposta di metà dicembre sembrava mirare a un’uniforme “era digitale del consenso”. Tuttavia, piuttosto che fare gli argomenti sopra elencati, la legge sembrava preoccuparsi dell’età in cui le persone dovrebbero essere in grado di acconsentire al trattamento dei propri dati. La proposta sembra provenire da una direzione di preoccupazione per gli adolescenti che sono troppo giovani per comprendere le implicazioni della sicurezza dei dati e della privacy quando accettano che i loro dati vengano utilizzati in qualsiasi modo.

Argomenti contro l’età minima

Alla fine, la battaglia per un limite di età uniforme nell’Unione europea è stata persa semplicemente perché gli Stati membri non sono riusciti a raggiungere un accordo. Tuttavia, ciò non significa che non ci siano argomenti legittimi contro la legge in primo luogo.

limite di età per facebook

Forse il principale argomento contro un’età minima sui social media deriva dal fatto che, sebbene le persone di età inferiore ai 16 anni possano non essere esperti di sicurezza dei dati e privacy, non significa necessariamente che lo siano i loro genitori. La legge presume indirettamente che quando una persona compie 16 anni comprenderà le implicazioni di mettere un selfie imbarazzante sul Web. L’enorme quantità di trentenni che lo fanno quotidianamente supplica di differire.

La legge potrebbe forse anche rappresentare una minaccia indiretta e non intenzionale contro la sua stessa intenzione. La sensazione di sicurezza che proverebbero i genitori pensando che il loro bambino non avrà accesso ai social media fino all’età di 16 anni li renderebbe compiacenti. Col tempo, i giovani adolescenti troveranno un modo per aggirare i requisiti dei social network (che storicamente sono stati difficili da far rispettare). Questo creerà un ambiente in cui i genitori sono ancora più ignari di ciò che stanno facendo i loro figli, peggiorando la situazione.

Date queste informazioni, da che parte stai? Pensi che sia saggio stabilire un’età minima? In caso affermativo, a quale età dovrebbe essere fissato e perché? Ditecelo in un commento!