Grub vs. Systemd-boot: quale dovresti usare come bootloader

Grub vs. Systemd-Boot: Welches sollten Sie als Bootloader verwenden?
⏱️ 4 min read

Systemd-boot, a volte chiamato “systemd” e precedentemente chiamato “gummiboot”, è il nuovo concorrente di Grub. Sui sistemi EFI compatibili, systemd-boot può essere utilizzato al posto di Grub per avviare il sistema operativo del sistema. Da una prospettiva di alto livello, systemd-boot si collega al bootloader già in UEFI, offrendo il set di funzionalità di base per la selezione di un sistema operativo. Grub, d’altra parte, carica quello che a volte viene descritto come “un intero sistema operativo” per gestire l’avvio del sistema operativo dell’utente, fornendo capacità molto maggiori.

Cos’è un bootloader?

Un bootloader carica il sistema operativo. Viene copiato in memoria da un settore speciale sul supporto di avvio e viene eseguito prima dell’avvio di qualsiasi sistema operativo. Se vengono rilevate più immagini di sistema avviabili, il bootloader consente all’utente di selezionare il sistema da avviare. Il bootloader avvia quindi il sistema operativo e trasferisce il controllo hardware al sistema operativo. Sulla maggior parte dei sistemi, il bootloader appare subito dopo la schermata iniziale per la scheda madre.

Grub vs systemd-boot: che cos’è Grub?

GNU GRUB, più comunemente noto come Grub o GRUB 2, sta per GRe Unificato Boot Interface. È basato su Free Software Foundations specifica multiboot. È progettato per funzionare su qualsiasi piattaforma hardware e avviare praticamente qualsiasi sistema operativo Unix praticamente da qualsiasi supporto di avvio e file system. Poiché è destinato a coprire una vasta gamma di piattaforme e distribuzioni, Grub è comunemente usato come bootloader predefinito fornito con la maggior parte delle distribuzioni Linux. Se hai interagito con un bootloader Linux, probabilmente è stato Grub. Fornisce anche opzioni per la configurazione visiva come testo, colori di sfondo e immagini grafiche splash. La versione di Ubuntu di Grub, ad esempio, utilizza il viola di marca Canonical.

Grub supporta i sistemi multiboot ed è stato scritto appositamente per questo scopo. Tuttavia, può essere un po ‘complicato se qualcosa va storto. I problemi si verificano più frequentemente durante l’installazione di Grub su un sistema multiboot esistente, la rimozione di sistemi operativi e l’installazione di nuovi sistemi operativi. Grub utilizza un file di configurazione, quindi ogni sistema operativo è incluso nello stesso file, che viene modificato per riflettere le modifiche. I bootloader del sistema operativo principale risiedono nell’MBR e altri sistemi operativi vengono caricati a catena tramite bootloader sulle proprie partizioni. Funziona e, per la maggior parte dei casi d’uso, è assolutamente sufficiente. Ma è un sistema che può anche essere facilmente sconvolto. Ad esempio, se non si configurano correttamente i kernel caricati a catena, più installazioni Linux possono finire per “litigare” per il controllo dell’MBR.

Grub vs systemd-boot: che cos’è systemd-boot?

Menu di avvio di Systemd

I fan di Linux potrebbero aver incontrato prima il nome “systemd”. systemd, abbreviazione di “demone di sistema”, è una raccolta di demoni prerequisiti fondamentali per l’esecuzione di un sistema Linux. Systemd-boot è un codice di diverse migliaia di righe e non ha dipendenze nel resto della suite systemd. Tuttavia, grazie alla sua semplicità, gummiboot è stato aggiunto a systemd e rinominato “systemd-boot” per corrispondere alla convenzione di denominazione dei componenti di systemd. Systemd’s obiettivo generale è avviare il sistema rapidamente avviando meno cose e avviandone di più in parallelo, e systemd-boot condivide questo obiettivo.

Come bootloader di solo testo, systemd ha un aspetto ovviamente vecchia scuola. I dispositivi di avvio disponibili sono elencati in base al titolo, che viene gestito nel file di configurazione di systemd-boot. Il systemd-boot è fondamentalmente un’interfaccia per la logica di avvio inclusa in EFI, motivo per cui può essere utilizzato solo con sistemi EFI compatibili. È un sistema notevolmente meno configurabile di Grub, praticamente senza opzioni di configurazione.

Con la sua interfaccia limitata, systemd è un bootloader molto più piccolo di Grub. Alcune persone lo installano per velocità o per gestire più sistemi operativi in ​​modo più efficiente. Poiché systemd utilizza file di configurazione divisi (un singolo file .conf per ogni kernel o sistema operativo), può essere più semplice mantenere manualmente un sistema con più kernel o sistemi operativi. Questi file di testo di configurazione drop-in possono essere semplicemente copiati nella directory di systemd quando viene installato un nuovo kernel. Ciò semplifica la configurazione per i sistemi ad avvio multiplo.

Conclusione: Grub o Systemd-boot sono migliori?

In caso di problemi con Grub, systemd-boot fornisce un’infrastruttura di avvio notevolmente semplificata con configurazione dei file drop-in. È più robusto, ma non è nemmeno così configurabile o adattabile come Grub. Se esegui un sistema EFI multiboot, systemd-boot può fornire una gestione più semplice dell’avvio e potrebbe persino ridurre i tempi di avvio. Su altre configurazioni di sistema, o per usi che richiedono una maggiore flessibilità rispetto a quella offerta da systemd-boot, Grub rimane la soluzione migliore.

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Potrebbero interessarti anche...