Hai bisogno di un monitor a 360 Hz? Spiegazione delle frequenze di aggiornamento elevatissime

Hai bisogno di un monitor a 360 Hz?  Spiegazione delle frequenze di aggiornamento elevatissime
⌛ Reading Time: 6 minutes

Mentre i giocatori e i consumatori si sono in qualche modo abituati ai display a 144Hz negli ultimi anni, le spinte tecnologiche più recenti hanno visto emergere sul mercato i monitor a 360Hz. Un monitor a 360Hz è un aggiornamento utile rispetto a 144Hz? Qui rispondiamo a queste e altre domande.

Comprensione della frequenza di aggiornamento del monitor e del framerate

La frequenza di aggiornamento si riferisce al numero di volte in cui un monitor si “aggiorna” con un nuovo fotogramma in un secondo. La frequenza di aggiornamento standard per la maggior parte dei monitor, TV e telefoni è 60Hz. La frequenza di aggiornamento è strettamente legata al framerate (FPS), ma i due non sono esattamente gli stessi.

Puoi eseguire un gioco a 100 FPS su un monitor a 60 Hz, ma in realtà non vedrai tutti i vantaggi di 100 FPS. Questo perché la frequenza di aggiornamento determina il framerate massimo che il monitor può effettivamente visualizzare.

Inoltre, l’esecuzione di giochi a un framerate superiore a quello che il tuo monitor può supportare provocherà lo strappo dello schermo, che è dirompente per qualsiasi esperienza di gioco.

La relazione GPU-frequenza di aggiornamento

Prima di passare ai tecnicismi delle frequenze di aggiornamento, dei tempi di risposta e di tutte le altre cose, vale la pena affrontare l’importanza della relazione tra la GPU e la frequenza di aggiornamento.

Guida all'acquisto della GPU 2021 Nvidia Rtx 3080

Se disponi di un monitor ad alta frequenza di aggiornamento, dovresti essere in grado di eseguire Windows a una frequenza di aggiornamento elevata, indipendentemente dalla situazione della GPU. Vedrai la differenza nel movimento del tuo mouse, che sarà liscio come la seta su tutto lo schermo, ma oltre a sembrare un po’ più fluido, non fa una differenza significativa per la tua esperienza con Windows.

Per giocare a una frequenza di aggiornamento elevata, è necessario disporre di una potente GPU, e anche in questo caso è molto improbabile che si riesca ad avvicinarsi a una frequenza di aggiornamento di 360 Hz. Per prospettiva, guardando il benchmark per partita di una delle GPU più potenti sul mercato. Con impostazioni ultra a 1080p, è in grado di raggiungere frame rate nella regione di 100-180 fps, in nessun modo vicino ai 360 fps di cui è capace il tuo monitor a 360 Hz. In una stima, dovrai giocare a giochi di 10 anni o più su una GPU di fascia alta per ottenere quei framerate ridicolmente alti.

Inoltre, se il tuo monitor ha una risoluzione di 2560 x 1440 o superiore, probabilmente darai la priorità all’utilizzo di quelle risoluzioni più elevate piuttosto che provare a raggiungere quei frame-rate migliori. Dal mio punto di vista personale, una volta superati i 120 fps, i rendimenti diminuiscono perché diventa sempre più difficile per l’occhio umano percepire la differenza.

Ovviamente quasi tutte le GPU disponibili sono più deboli, quindi il framerate che otterrai sarà ancora più basso e quei 360Hz ancora meno necessari.

Per dirla semplicemente: 360Hz è per gli appassionati seri e 144Hz è la scelta più sensata per la maggior parte dei giocatori di oggi.

Una breve nota sui tempi di risposta e sui tipi di pannello

Quando si esaminano i display ad alta frequenza di aggiornamento, il tempo di risposta e il tipo di pannello diventano molto più importanti.

Tempo di risposta (più precisamente chiamato tempo di risposta dei pixel) misura il tempo impiegato dai singoli pixel per cambiare colore. Se il tuo tempo di risposta è troppo alto, la tua immagine sarà soggetta a ghosting e artefatti, il che riduce in primo luogo i vantaggi di un’elevata frequenza di aggiornamento.

Tipo di pannello ha un impatto diretto sui tempi di risposta dei pixel a causa dei limiti delle tecnologie attualmente presenti sul mercato. I tre principali tipi di pannello sono TN, IPS e VA.

  • I pannelli TN hanno i tempi di risposta più bassi e le frequenze di aggiornamento più elevate, ma al costo di una qualità dell’immagine molto peggiore, particolarmente evidente se visualizzati fuori asse.
  • I pannelli IPS possono avere ottimi tempi di risposta e frequenze di aggiornamento e avere la migliore qualità dell’immagine, ma tendono ad essere proibitivamente costosi e leggermente più lenti dei pannelli TN su tutta la linea. Anche gli angoli di visualizzazione sono i migliori.
  • I pannelli VA sono una via di mezzo decente con prestazioni particolarmente buone in camera oscura, ma i pannelli VA sono anche i più noti per avere tempi di risposta scarsi, anche su display VA ad alta frequenza di aggiornamento. Tuttavia, gli angoli di visualizzazione tendono ad essere migliori di TN.
Spiegazione dei monitor a 360 Hz Dimostrazione dell'angolo di visualizzazione
Credito immagine: RTings.com‘s Viewing Angle Test sul Dell 2718dgf, un monitor TN di fascia alta.

Con tutte queste informazioni in mente, consigliamo di attenersi ai pannelli TN o IPS se si sceglie di optare per un monitor ad alta frequenza di aggiornamento (144Hz o superiore) e un tempo di risposta di 5-1 ms, 1 ms è il caso migliore per un display a 360Hz.

In che modo la frequenza di aggiornamento (e il framerate) influisce sul tuo gameplay

Una frequenza di aggiornamento e un framerate più elevati ti rendono migliore nei giochi?

Sì e no. In definitiva, le tue abilità e la tua pratica saranno ciò che determinerà i tuoi risultati, specialmente nei titoli di eSports. Tuttavia, framerate e frequenze di aggiornamento bassi sono un po’ uno svantaggio, soprattutto se hai difficoltà a mantenere i 60 FPS.

La vita reale non è percepita nei singoli fotogrammi come lo sono i film o i giochi, ma se lo fosse, potresti immaginarla come un framerate effettivamente illimitato. L’unico limite alla tua capacità di reagire alle cose nella vita reale è la tua coordinazione occhio-mano.

I monitor sono un’altra storia, tuttavia, e anche un monitor a 144Hz è ben diverso dal movimento realistico. Il modo più semplice per spiegare la differenza tra due giocatori altrimenti uguali con monitor diversi è che quello con la frequenza di aggiornamento più alta vede l’aggiornamento del gioco più velocemente dell’altro giocatore.

Soprattutto nei giochi d’azione ad alto numero di ottani, questo può fare la differenza. Se vuoi saperne di più, dai un’occhiata allo studio di Nvidia. Questa ricerca mostra un miglioramento tangibile delle prestazioni dei giocatori nei titoli Battle Royale con frequenze di aggiornamento più elevate.

Spiegazione dei monitor a 360 Hz Esempio Nvidia
Credito immagine: Nvidia

Vuoi testare tu stesso diverse frequenze di aggiornamento? Fare clic qui per aprire il test UFO in un browser desktop compatibile. (Nota: sarai comunque limitato dalla frequenza di aggiornamento del tuo monitor attuale ma sarai in grado di vedere facilmente la differenza tra FPS alto e basso.)

Conclusione: hai bisogno di un monitor a 360 Hz?

Per la maggior parte dei giocatori (e sicuramente i non giocatori e i giocatori occasionali), il più grande vantaggio che vedrai dopo l’aggiornamento da 60 Hz è a 144 Hz. 240 Hz e 360 ​​Hz offrono ulteriori vantaggi, ma questi sono in definitiva marginali rispetto al salto da 60 a 144 e hanno un grande costo monetario.

Oltre al prezzo molto più alto dei monitor stessi, dovrai spendere molto di più per l’hardware del tuo PC per spingere effettivamente a 360Hz – e se stai giocando su console, non puoi comunque superare i 120Hz.

Un monitor ad alta frequenza di aggiornamento è un ottimo aggiornamento per qualsiasi esperienza di gioco, ma alla fine l’unico modo per migliorare in un gioco è… migliorare in un gioco. Un monitor elegante non lo farà per te.

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.