I ricercatori usano l’intelligenza artificiale per falsificare le impronte digitali e ingannare gli ID biometrici

Forscher verwenden KI, um Fingerabdrücke zu fälschen und biometrische IDs auszutricksen
⏱️ 3 min read

Le password e i pulsanti home dei dispositivi stanno per diventare superati. La scansione biometrica sta prendendo il sopravvento con il pensiero che mentre le password possono essere rubate e violate, le impronte digitali e il tuo viso no.

Tuttavia, i ricercatori di intelligenza artificiale hanno appena trovato un modo per farlo. Hanno usato l’IA per sviluppare impronte digitali false che ritengono sia un modo per ingannare i lettori di ID biometrici.

Ricerca di impronte digitali false

Philip Bontrager della scuola di ingegneria della New York University ha guidato un team di ricercatori per sviluppare “DeepMasterPrints”. Questa ricerca è stata presentata in ottobre a una conferenza biometrica di Los Angeles, California, ed è stato pubblicato un rapporto che spiega il processo.

Le impronte digitali false potrebbero replicare più di un’impronta digitale su cinque utilizzate in un sistema di riconoscimento delle impronte digitali o di riconoscimento facciale.

Il rapporto spiega che questo processo di creazione di stampe false sarebbe simile a un “attacco del dizionario”. Questo è ciò che accade in un processo di hacking quando un elenco di parole del dizionario viene utilizzato per mettere insieme possibili combinazioni di password. Invece di scorrere un dizionario di parole, un sistema potrebbe eseguire diverse impronte digitali false per vedere se corrispondevano.

Un punto importante che i ricercatori sono stati in grado di utilizzare nella loro ricerca è che molti scanner di impronte digitali leggono solo una parte di un’impronta digitale e alcune porzioni di impronte hanno più in comune di altre.

I ricercatori hanno creato le nuove stampe inserendo un set reale in una rete generativa dell’avversario. A causa di ciò che hanno appreso sulle diverse porzioni di stampe e di ciò che viene letto, sapevano che avevano solo bisogno di creare stampe che corrispondessero alle parti che hanno maggiori probabilità di avere qualcosa in comune con altre.

Bontrager non crede che questo possa essere usato per entrare nel tuo telefono. “Una configurazione simile alla nostra potrebbe essere utilizzata per scopi nefasti, ma probabilmente non avrebbe il tasso di successo che abbiamo riportato a meno che non lo ottimizzassero per un sistema smartphone”, ha detto. “Questo richiederebbe molto lavoro per provare a decodificare un sistema come quello.”

Tuttavia, se un hacker cercasse di penetrare con la forza in un sistema che dispone di più account accessibili tramite impronte digitali, allora avrebbero buone possibilità di riuscire a penetrare in alcuni di essi.

inoltre

A questo punto potresti chiederti perché i ricercatori si sono fatti avanti con questo, con qualcosa che gli hacker potrebbero usare per sfruttare il sistema. Il motivo è che è inteso come un tipo di avvertimento.

“Senza verificare che un biometrico provenga da una persona reale, molti di questi attacchi avversari diventano possibili”, ha detto Bontrager. “La vera speranza di un lavoro come questo è spingere verso il rilevamento della vivacità nel sensore biometrico.”

news-ai-fake-fingerprint-security

I ricercatori vogliono solo spingere verso una maggiore consapevolezza di ciò per essere sicuri che i produttori di dispositivi rendano i sistemi abbastanza rigorosi da mettere qualcosa in atto in modo che ciò non sia possibile.

Tuttavia, potrebbe finire per essere come la lotta tra governo, hacker e Apple riguardo all’irruzione negli iPhone. Dopo che si è reso conto che nemmeno il governo poteva entrare nel sistema iPhone, è stato sviluppato un sistema in grado di introdurlo. Poi Apple ha rafforzato il proprio sistema, solo per far sì che anche quello fosse rapidamente rotto.

Quindi, ora che i ricercatori hanno richiamato l’attenzione, forse aumenterà il desiderio degli hacker di implementare questo nuovo processo di impronte digitali false.

Cosa ne pensi dei ricercatori che annunciano i loro risultati secondo cui le impronte digitali false possono essere utilizzate per ingannare gli scanner di identificazione biometrica? Fai sapere i tuoi pensieri e le tue preoccupazioni nella nostra sezione commenti qui sotto.

Credito immagine: Campioni reali e generati da Philip Bontrager, ristampati da The Guardian Tutti gli altri Dominio pubblico

Join our Newsletter and receive offers and updates! ✅

0 0 votes
Article Rating
Avatar di Routech

Routech

Routech is a website that provides technology news, reviews and tips. It covers a wide range of topics including smartphones, laptops, tablets, gaming, gadgets, software, internet and more. The website is updated daily with new articles and videos, and also has a forum where users can discuss technology-related topics.

Potrebbero interessarti anche...

Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x