Il MIT progetta il primo sistema di auto a guida autonoma per affrontare strade non asfaltate

MIT proiectează primul sistem auto cu conducere automată pentru a face față drumurilor neasfaltate
⏱️ 4 min read

Sebbene la tecnologia abbia fatto passi da gigante con le auto a guida autonoma, c’è un ponte che non erano ancora stati in grado di attraversare: strade non asfaltate – fino ad ora. Un team di informatici del MIT ha progettato un sistema per auto a guida autonoma per affrontare questo problema.

Sistema di auto a guida autonoma del MIT

Mentre le auto autonome non sono state conosciute per essere brave a navigare su strade di campagna non asfaltate, gli scienziati informatici del Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (CSAIL) del Massachusetts Institute of Technology (MIT) hanno cercato di trovare un modo per aggirare questo.

Normalmente i sistemi di auto a guida autonoma si basano su mappe che sono state selezionate per l’attività, che sono molto dettagliate. È un sistema che semplicemente non funziona bene con le molte strade non asfaltate esistenti. Ma alla fine, se queste auto saranno commerciabili, dovranno essere in grado di conquistare tutte le strade.

Nonostante l’attuale mancanza di tecnologia che consenta questa svista, il team del MIT ha creato un sistema, MapLite, che utilizza i dati GPS di base e la tecnologia dei sensori.

Ci stavamo rendendo conto di quanto siano limitate le odierne auto a guida autonoma in termini di dove possono effettivamente guidare,“Ha detto Teddy Ort, uno studente laureato del MIT CSAIL che ha lavorato al progetto di auto a guida autonoma.

Aziende come Google testano solo nelle grandi città dove hanno etichettato le posizioni esatte di cose come corsie e segnali di stop. Queste stesse auto non avrebbero successo su strade non asfaltate, non illuminate o segnalate in modo inaffidabile. Questo è un problema. Sebbene le aree urbane abbiano già più forme di trasporto per i non conducenti, questo non è vero per le aree rurali. Se vivi fuori città e non puoi guidare, non hai molte opzioni.

Ciò che Ort ha sottolineato è che questa svista non è solo per le auto a guida autonoma, ma vale per tutti i trasporti. Semplicemente non ci sono opzioni per chi è fuori città, sia che voglia prendere i mezzi pubblici o guidare un’auto autonoma. L’unico modo per navigare su quelle strade non asfaltate fino ad ora era da soli, guidando la tua auto o con la tua forza, come camminare o andare in bicicletta.

MapLite non utilizza dati complicati, tuttavia, utilizza solo i semplici dati GPS che sono già presenti sulle mappe di Google insieme ai sensori per scansionare i dintorni intorno all’auto. Ciò consente al sistema di guida autonoma di viaggiare su strade non asfaltate e prendere nota delle condizioni stradali in anticipo, a una distanza di oltre 100 piedi.

I sistemi esistenti fanno ancora molto affidamento sulle mappe 3D, utilizzando solo sensori e algoritmi di visione della navigazione, come evitare oggetti in movimento,“Spiega Ort.

Al contrario, MapLite utilizza sensori per tutte le parti della navigazione, utilizzando i dati GPS solo per ottenere una stima approssimativa della posizione dell’auto nello spazio. Il sistema imposta innanzitutto sia una destinazione finale sia ciò a cui ci riferiamo come un “obiettivo di navigazione locale”, che deve essere all’interno della visuale dell’auto.

Non proprio pronto per la strada

news-mit-self-driving-car-montagne

Non che questo sistema del team del MIT sia necessariamente pronto per la strada. Il motivo per cui gli altri sistemi di auto a guida autonoma hanno così tanto successo è a causa di quelle mappe dettagliate che usano. Le strade che sono state precedentemente mappate sono una quantità nota, il che significa che è più probabile che porti a una navigazione di successo.

Poiché il sistema del MIT utilizza i dati GPS correnti e guarda le cose con 30 metri di anticipo, non può permettersi il lusso di strade ben percorse che sono state mappate in precedenza dal loro sistema. Manca l’esperienza che hanno i sistemi automobilistici autonomi esistenti.

Il team CSAIL del MIT continuerà a lavorare su questo, cercando di rendere MapLite più versatile in modo che possa gestire molti diversi tipi di strade. E sebbene non stiano ancora pianificando di commercializzare il sistema, sono in trattativa con Toyota per implementare il sistema nei loro futuri veicoli.

Sarà mai pronto?

A questo punto devi iniziare a chiederti se le auto autonome saranno mai pronte per la strada. Sembra che ci siano troppe domande e troppi potenziali problemi. Chiedere alle persone di riporre la loro fiducia in questi sistemi sembra chiedere molto.

Eppure è bene sapere che i ricercatori sono ancora tornati in laboratorio a lavorare su questo e cercare di implementare modi diversi per farlo. Non stanno solo riposando sugli allori e ci chiedono di riporre la nostra fede in questi sistemi che ancora non possono fare tutto.

Pensi che le auto a guida autonoma arriveranno mai al punto in cui possiamo fidarci di loro per essere sulla strada accanto a noi o guidarci? Fateci sapere i vostri pensieri e le vostre preoccupazioni nei commenti.

Join our Newsletter and receive offers and updates! ✅

0 0 votes
Article Rating
Avatar di Routech

Routech

Routech is a website that provides technology news, reviews and tips. It covers a wide range of topics including smartphones, laptops, tablets, gaming, gadgets, software, internet and more. The website is updated daily with new articles and videos, and also has a forum where users can discuss technology-related topics.

Potrebbero interessarti anche...

Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x