La guida per principianti ad Android Studio

Ghidul pentru începători pentru Android Studio
⏱️ 4 min read

Android Studio è l’ambiente di sviluppo integrato (IDE) ufficiale di Android per lo sviluppo di app Android. È basato su IntelliJ, lo stesso editor di codice utilizzato in PyCharm, popolare tra gli sviluppatori Python.

Se sei nuovo su Android Studio, segui i semplici passaggi seguenti per familiarizzare con l’IDE.

Installazione

Prima di scaricare l’applicazione, visitare il sito ufficiale. Nel momento in cui scrivo dovresti scaricare la versione 3.3 completamente testata. Sebbene siano disponibili versioni superiori con funzionalità aggiuntive, sono per lo più in beta.

Dopo il download, vedrai alcune opzioni come se scegliere un tema “Dracula” scuro o uno sfondo bianco vuoto.

L’installazione richiederà un po ‘di tempo, poiché l’app installa i componenti uno per uno, quindi concediti una pausa decente.

Screenshot dell'installazione di Android Studio

Iniziare

Dopo l’installazione puoi scegliere subito il tuo progetto. Inizia con l’opzione Telefono e tablet per imparare a programmare.

Successivamente, man mano che avanzi, puoi lavorare con WearOS, Android TV, Android Auto e Android Things per dispositivi connessi intelligenti.

Scegliere Project in Android Studio

Dovresti anche scegliere di configurare il tuo progetto di app per l’API giusta. Supporta l’intera gamma da Gingerbread ad Android Pie.

Configurazione di Android Studio Project

Dopo aver fatto clic su “Fine” vedrai la schermata di benvenuto. Lascia che la build si carichi completamente e poi puoi usare il tuo primo progetto.

Schermata di benvenuto di Android Studio

Navigazione in Android Studio

La prima cosa che noterai nella finestra di Android Studio è la sua Sistema di compilazione basato su Gradle. Fondamentalmente, un Gradle è un toolkit automatico con il proprio codice e risorse che funzionano indipendentemente da Android Studio. Ciò è utile per creare divisioni all’interno del progetto che possono essere combinate in una fase successiva.

Crea Gradle in Android Studio

Successivamente noterai le funzionalità disponibili per varie voci di menu. Puoi navigare ovunque nell’editor di codice utilizzando l’opzione “Naviga”. Ci sono funzioni di completamento del codice e rientro automatico in “Codice”. Per ripulire e comprendere le dipendenze del progetto, c’è “Analizza”. Puoi creare un progetto utilizzando “Build”.

Voci di menu in Android Studio

Inoltre, ci sono alcune opzioni di menu nel pannello di sinistra. Puoi selezionare “varianti build”, “preferiti” e “acquisizioni layout”. Facendo clic due volte sulle opzioni di menu, la finestra verrà compressa.

Build-Variants-Android-Studio

Infine, puoi vedere le opzioni di “implementazione rapida” nel pannello in alto a destra. Puoi eseguire app, configurare configurazioni SDK, gestire dispositivi virtuali, eseguire il debug e altro ancora.

Opzioni di distribuzione

Fasi della pubblicazione della tua app con Android Studio

Le fasi seguenti sono comuni a qualsiasi attività di sviluppo su Android Studio. Sebbene di seguito sia disponibile una spiegazione molto semplice, ogni fase ha un sacco di concetti dettagliati. È al di fuori dello scopo di questo articolo entrare in maggiore profondità e dettagli, ma lo screenshot del progetto qui sotto esplora alcune idee chiave.

1. Scrivere la tua app. L’editor di codice IntelliJ è utile qui. Puoi aggiungere codici in XML da modelli, aggiungere risorse per app, progettare temi per app, creare un’interfaccia utente con un editor di layout e configurare le icone delle app con Image app Studio.

Esempio: la schermata seguente mostra come configurare le icone delle app. Seleziona l’app, vai su “res”, fai clic con il pulsante destro del mouse e crea una risorsa immagine per l’app da una varietà di icone.

Configura demo asset immagine

2. Creazione ed esecuzione della tua app. Dopo aver finito di scrivere il codice, puoi creare ed eseguire la tua app da un dispositivo Android connesso o da un emulatore (vedi dispositivi virtuali nella sezione precedente). Ciò è possibile tramite la voce di menu “Esegui” in alto. Non appena il dispositivo è connesso, puoi eseguire il programma dell’app.

Seleziona Emulatore hardware in Android Studio

3. Configurazione della build. In questa fase puoi fare diverse cose, come impostare un ID applicazione, ottimizzare più build, ridurre il codice e le risorse e altro ancora.

4. Debug della tua app. In questa fase puoi rimuovere eventuali errori imbarazzanti che potrebbero insinuarsi nell’app. Ad esempio, puoi eseguire il “debug” di tutti i test per scoprire se eventuali bug persistono.

Esegui il debug dell'app in Android Studio

5. Prova la tua app. Puoi eseguire una serie di test dalla riga di comando, creare test dell’interfaccia utente e persino registrare i tuoi test.

6. Profilo della tua app. Qui puoi misurare le prestazioni dell’app, ispezionare l’attività della CPU e il rendering della GPU, visualizzare i profili energetici e visualizzare l’utilizzo della batteria.

7. Pubblica la tua app. Prima di preparare la tua app per il consumo pubblico, devi configurare, creare e testare una versione “release” dell’app. Successivamente, firma la tua app utilizzando una “chiave di caricamento” disponibile con Google Play. Una volta caricata l’app, sei pronto per pubblicare su Google Play.

firma-app-google-play-credit-android-studio

Conclusione

Sebbene Android Studio sia l’IDE ufficiale per Android, non è l’unica scelta. Puoi anche usare Eclisse, Visual Studio, Komodo o AIDE. Uno dei vantaggi di Android Studio è la sua integrazione diretta con le app Google Cloud.

La bellissima interfaccia dell’app, l’ambiente unificato e le funzionalità di distribuzione istantanea lo rendono un emulatore veloce e ricco di funzionalità.

Sulla base della raccomandazione di cui sopra, prenderesti in considerazione l’utilizzo di Android Studio per lo sviluppo di app? Fateci sapere nei commenti.

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

Potrebbero interessarti anche...