Retroarhul nu funcționează?  Iată câteva remedieri pentru dvs.

Retroarch non funziona? Ecco alcune soluzioni per te

⌛ Reading Time: 6 minutes

Per un numero crescente di persone, Retroarch è il fulcro definitivo di tutto ciò che riguarda l’emulazione. Non rende giustizia a Retroarch solo definirlo un “frontend” per ogni emulatore di console immaginabile perché tutti i grandi emulatori possono essere integrati in esso, scaricati e caricati come “core” in pochi secondi. Tuttavia, una piattaforma così vasta con così tante cose da fare incontra inevitabilmente dei problemi. La scansione delle ROM potrebbe non riuscire, gli emulatori funzionano troppo lentamente e i controller non vengono rilevati.

Qui, esamineremo i problemi di Retroarch più comuni e le soluzioni per farlo funzionare di nuovo.

1. N64 Core non funzionanti

I due core N64 principali in Retroarch sono Parallel64 e Mupen64. Se esegui gli altri core Retroarch utilizzando il driver video Vulkan, potresti riscontrare problemi con entrambi questi core N64. Vale a dire, nessuno dei due core funziona con il driver Vulkan per impostazione predefinita.

In primo luogo, se si desidera utilizzare Mupen64, è necessario cambiare manualmente i driver video (Impostazioni -> Driver -> Video) su “gl” anziché “vulkan”. Fastidiosamente, non puoi salvare questa impostazione solo per il core N64 e devi cambiarla manualmente ogni volta che utilizzi core che utilizzano i driver GL e Vulkan.

Con ParaLLel 64, tu può usa i driver Vulkan. Per prima cosa devi avviare un gioco nel core usando il driver “gl”. Una volta avviato il gioco, vai al menu Retroarch -> Menu rapido -> Opzioni e modifica il plug-in GFX in angrylion e il plug-in RSP in cxd4.

Quindi, esci da Retroarch e riaprilo, vai su Impostazioni -> Driver -> Video e cambia il driver in “vulkan”. Ora apri una ROM usando il core ParaLLel 64 e funzionerà con il driver Vulkan (usando una grafica N64 molto accurata se a bassa risoluzione).

2. Rallentamento del gioco e crepitio dell’audio

Questi due problemi spesso vanno di pari passo e potresti averli sperimentati in particolare su alcuni dei core più esigenti come il core PS1 Beetle PSX HW basato su Vulkan. Indipendentemente dalle impostazioni grafiche modificate, il gioco subisce un effetto di “trascinamento” sia sul video che sull’audio che rende estremamente sgradevole il gioco.

Dopo molte ricerche e inutili modifiche alle impostazioni, abbiamo trovato la soluzione nel più semplice dei posti: Windows Power Options. Vai al Pannello di controllo di Windows -> Opzioni risparmio energia quindi modifica il “Piano preferito” in “Prestazioni elevate”. Questa opzione potrebbe essere nascosta sotto “Mostra piani aggiuntivi” su cui potresti dover fare clic per vederla. Con l’opzione Prestazioni elevate selezionata, la tua CPU smetterà di limitare inutilmente i tuoi giochi.

retroarch-not-working-fixes-high-performance-power-plan

3. Retroarch non esegue la scansione delle Rom

Quando vuoi aggiungere ROM o giochi a Retroarch, devi prima assicurarti che i database siano aggiornati andando su “Online Updater” dal menu principale, quindi selezionando “Aggiorna database”. Ciò garantirà che Retroarch disponga delle informazioni più recenti quando si tratta di rilevare le tue rom.

Se provi ad aggiungere ROM utilizzando “Scan Directory” o “Scan File”, tieni presente che Retroarch cercherà solo i tipi di file associati ai core già installati, quindi per cercare i giochi nel formato “cue”, tu ‘ Avrò bisogno di avere un core PS1 installato, per esempio.

Un’altra complicazione con la scansione per i giochi PS1 è che devi avere un file “cue” insieme al file immagine principale (BIN o ISO) per Retroarch per scansionarlo. Non è troppo difficile creare questi (puoi usare questo strumento online): basta creare il file cue in Blocco note, assegnargli lo stesso nome del file principale (ma con “.cue” alla fine), quindi gettarlo nella stessa cartella del file immagine principale.

retroarch-not-working-fixes-cue-files

4. Retroarch si blocca prima del caricamento del gioco

È difficile affrontare una questione così ampia senza scrivere un saggio al riguardo. Ci sono così tanti motivi per cui Retroarch potrebbe bloccarsi che abbiamo deciso di sceglierne alcuni tra i più comuni in modo che, si spera, si applichino a un ampio spettro di persone.

Aggiorna i driver della tua scheda grafica. Questo si applica in particolare alle persone su sistemi di fascia medio-bassa, che potrebbero avere problemi con il fatto che Retroarch viene eseguito sull’API grafica OpenGL per impostazione predefinita. Dovresti andare al file di configurazione “retroarch” (CFG) nella tua directory Retroarch, aprirlo con Blocco note (o, per rendere le informazioni più chiare, Notepad ++) e modifica l’opzione “video_driver” da “gl” a “d3d”, quindi salva la modifica. Non sarai più in grado di utilizzare l’interfaccia utente Retroarch in stile XMB, ma ancora più importante, dovresti essere in grado di eseguire giochi.

retroarch-not-working-opengl-d3d

Un’altra opzione per le persone con sistemi operativi meno recenti o con hardware meno recente è quella di scarica le versioni “MSVC” di Retroarch invece della versione MinGW predefinita. MSVC2005 è progettato per sistemi precedenti a Windows XP, mentre MSVC2010 è da Windows XP in poi, ma alcune persone hanno riferito che li aiuta anche quando si utilizza Windows 10 su macchine meno recenti, quindi vale la pena fare un salto.

5. I core non vengono scaricati

Quindi stai cercando di scaricare i core / emulatori per tutte le tue console domestiche preferite, ma non funziona. È possibile che il programma di aggiornamento principale in Retroarch non sia collegato al luogo da cui proviene i suoi core.

Apri il file “retroarch.cfg” nella tua directory Retroarch (di nuovo, Blocco note o Blocco note ++), quindi una delle prime opzioni dovrebbe essere “core_updater_buildbot_url =” http://buildbot.libretro.com/nightly/x/x/x ” dove le x rappresentano il sistema in cui ti trovi.

retroarch-not-working-cores-libretro-directory

Se questo è vuoto, è necessario inserire manualmente l’URL da cui si desidera ottenere i core. Vai a “buildbot.libretro.com/nightly/” nel tuo browser web, quindi vai alla directory del sito che corrisponde al tuo sistema (/ windows / x86_64 /, per esempio).

Alla fine, raggiungerai una cartella chiamata “latest”. Fare clic qui per vedere tutti i core disponibili per il sistema, quindi copiare l’URL nel file di configurazione di Retroarch. (Se lo desideri, puoi effettivamente scaricare i core direttamente da qui e inserirli nella cartella “core” nella directory Retroarch.)

retroarca-non-driver-video-funzionante

Salva la modifica nel file di configurazione e Retroarch dovrebbe ora essere in grado di scaricare i core per te.

6. Core PS1 non funzionanti

Di tutti i core su Retroarch, quelli PS1 sono probabilmente i più difficili da far funzionare. Non è troppo complicato, ma ci sono un paio di cose da tenere a mente. Innanzitutto, dovrai rintracciare e scaricare tre file BIOS molto specifici per PS1. (Basta fare una ricerca su Google.) Quelli che ti servono sono SCPH5500, SCPH5501 e SCPH5502, e devi inserirli nella cartella “system” nella tua directory Retroarch.

retroarch-not-working-core-bios

Nota: i file SCPH devono essere denominati come sopra. Se il file si chiama “SCPH_5501” o qualsiasi altra cosa, non funzionerà. Devi solo rinominarlo in “SCPH5501”.

Un’altra cosa è che i giochi PSX devono essere estratti e hanno entrambi i file “bin” e “cue” nella stessa cartella per funzionare correttamente.

Conclusione

Queste correzioni sono solo la punta dell’iceberg per far funzionare di nuovo Retroarch e accettiamo che probabilmente ci sono problemi che non abbiamo trattato qui. Se riscontri problemi con Retroarch, faccelo sapere nei commenti e cercheremo soluzioni da aggiungere a questo elenco in futuro. Buon gioco.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta nel dicembre 2017 ed è stato aggiornato nell’ottobre 2019.