Retroarch per Android – La guida completa

⌛ Reading Time: 7 minutes

Per anni, Retroarch è stata la piattaforma indomabile per gli intenditori più esigenti dell’emulazione su PC. Il pacchetto all-in-one progettato per caricare tutte le tue console e giochi preferiti da un unico posto è disponibile anche per Android, anche se le complessità della sua configurazione sono molto meno discusse.

Se hai scaricato Retroarch e non conosci il tuo core dai tuoi contenuti o vuoi semplicemente sapere quali core sono i migliori per eseguire i tuoi giochi per console preferiti, leggi questa guida di Retroarch per Android per le istruzioni.

Nota: come al solito, dovresti considerare gli aspetti legali un po ‘confusi che circondano l’emulazione del gioco prima di procedere. La seguente guida non offre consigli su come mettere le mani su ROM e ISO.

Iniziare

La prima cosa che devi fare, ovviamente, è installa Retroarch dal Play Store. Una volta fatto, apri Retroarch e ti verrà presentato il menu principale, che potrebbe non significare assolutamente nulla per te se non hai familiarità con Retroarch.

Innanzitutto, scarichiamo alcuni core sul tuo dispositivo. Si tratta di emulatori di console che sono stati adattati per funzionare come plugin tramite Retroarch e possono essere scaricati direttamente tramite l’app. Basta andare su “Load Core -> Download Core” e selezionare ciò che si desidera dall’elenco.

retroarch-for-android-guide-download-core

Nota che non appena tocchi un core nell’elenco, verrà scaricato sul tuo dispositivo. (L’unico modo per disinstallare un core è accedere alle impostazioni dell’app Retroarch e “Cancella dati”.)

Quali core sono i migliori per quale console? Di seguito sono elencate le nostre scelte principali per le console più popolari, basate sulla più ampia compatibilità e sulle migliori prestazioni con la maggior parte dei giochi. Ci saranno alcuni giochi che non sono del tutto conformi a questo elenco, ma per la maggior parte delle persone, riteniamo che sia ottimale.

Nota: i core per le console più esigenti con grafica 3D e così via (N64, PS1, Sega Saturn) saranno più impegnativi sul tuo dispositivo. Dovrebbero funzionare bene su dispositivi relativamente recenti, ma i dispositivi Android meno recenti / di fascia bassa potrebbero avere problemi.

I migliori core in Retroarch per Android

  • Game Boy Advance – mGBA
  • Game Boy / Game Boy Color – Gambatte
  • Nintendo (NES) – Nestopia
  • Nintendo 64 – Mupen64Plus
  • PlayStation – PCSX-ReARMed
  • Sega Genesis / Game Gear – Genesis Plus GX (PicoDrive dei giochi Sega 32X)
  • Sega Saturn – Yabause (molto faticoso dal punto di vista delle prestazioni)
  • Super Nintendo (SNES) – Snes9X

Configura Retroarch

Dopo aver configurato tutti i core, per consentire a Retroarch di rilevare i tuoi giochi, dovrai ottenere le ROM e le ISO per i tuoi giochi sul tuo dispositivo Android. (Sottolineiamo che queste dovrebbero essere copie di giochi che già possiedi.)

Una volta che hai i giochi sul tuo dispositivo, puoi caricarli uno per uno andando su “Carica contenuto”, quindi navigandoli da lì. In alternativa, puoi impostare playlist appropriate.

Per fare ciò, tocca l’icona Playlist (opzione centrale nella parte inferiore della schermata Retroarch), quindi “Directory di scansione”.

retroarch-per-android-guide-playlist

Seleziona la directory in cui tieni le ROM, quindi seleziona “Scansiona questa directory”. Le ROM per ciascuna console saranno ora ordinatamente contenute in cartelle separate nel “menu Playlist”. Puoi selezionare ed eseguire i tuoi giochi da qui.

retroarch-for-android-guide-scan-directory

Configura i controlli per ogni core

Questo bit può creare confusione. Se stai usando solo il touchscreen, non devi fare molto, poiché ogni core ha il proprio display touch personalizzabile sullo schermo per controllare i giochi.

Se stai utilizzando un controller, tuttavia, potresti voler apportare alcune modifiche. (Se vuoi un’idea di come collegare i controller della console tramite Bluetooth, consulta la nostra guida su come collegare un controller PS4 al tuo dispositivo Android.)

Per apportare modifiche ai controlli e così via in ogni singolo core, devi prima caricare quel core usando “Load Core” e caricare un gioco usando “Load Content” (o dalla tua playlist).

Successivamente, nel menu principale di Retroarch, dovresti ora vedere un’opzione chiamata “Menu rapido”. Toccalo, quindi tocca “Controlli” e scorri verso il basso per configurare i controlli per quel gioco.

retroarch-for-android-guide-controls

Ecco il punto: puoi quindi salvare quei controlli per applicarli a tutti i giochi su quel core (Salva file di rimappa principale) o solo a quel singolo gioco (Salva file di rimappa del gioco). Seleziona l’opzione Salva che si adatta alle tue esigenze, quindi puoi tornare al tuo gioco.

Mantenere le cose aggiornate

C’è qualcosa di importante che devi considerare quando usi Retroarch. Da un lato, dovresti mantenere Retroarch aggiornato tramite il Play Store, ma ciò aggiornerà solo l’app stessa e non i core, le risorse, gli elenchi di miniature ecc. All’interno dell’app.

Di tanto in tanto dovresti aggiornare manualmente i core installati per assicurarti di eseguire la versione più recente. Ciò migliorerà inevitabilmente la stabilità, le prestazioni e una miriade di altri fattori. In effetti, se hai problemi a eseguire un gioco, una delle prime cose che dovresti fare è aggiornare i core.

Core di aggiornamento della guida Android di Retroarch

Per farlo. vai al menu principale di Retroarch, scorri verso il basso e tocca Online Updater. Da qui, tocca Aggiorna core installati e Aggiorna file di informazioni di base.

Core di aggiornamento della guida Android Retroarch 2

Mentre sei qui, dovresti anche toccare semi-regolarmente “Aggiorna GLSL Shader” per assicurarti di eseguire le migliori versioni degli shader (più su quelli sotto), e controllare anche il Playlist Thumbnails Updater, che otterrà belle immagini in miniatura per i tuoi giochi se non le hai già.

Shader

Retroarch Android Guide Shader Crt Easymode

Gli shader sono filtri che possono essere applicati su vari core e singoli giochi. Possono cambiare drasticamente l’aspetto di un gioco, ad esempio, filtrando le trame per sembrare più fluide e meno pixelate, o aggiungendo uno schermo CRT o un filtro NTSC su un gioco per replicare il tipo di esperienza che avresti avuto nel riprodurlo negli anni ’90.

Per utilizzare gli shader, apri un core insieme a un gioco, quindi vai al menu -> Menu rapido -> Shader, quindi tocca lo slider “Video Shader” per accedere alle opzioni Shader.

Retroarch Android Guide Shader

Tocca “Load Shader Preset -> shaders_glsl” per accedere a tutti gli shader che puoi usare in Retroarch. Ce ne sono tantissime tra cui scegliere, quindi vai avanti e sperimenta con quelli che ti piacciono. (CRT Easymode è buono per ricreare l’aspetto dello schermo degli anni ’90.)

Retroarch Android Guide Shader 2

Se si desidera modificare un determinato shader, dopo averlo selezionato, andare su “Parametri shader” nel menu Shader per modificare la sua intensità della linea di scansione, i punti della maschera e così via.

Emulazione PS1 / PS2 e BIOS

Retroarch Android Guide Ps1 Bios

Per la maggior parte, non è necessario preoccuparsi del BIOS durante l’esecuzione di emulatori e giochi, perché i file rilevanti sono inclusi negli emulatori. I file BIOS sono praticamente la prima cosa che un emulatore cerca durante l’esecuzione, con un file BIOS diverso richiesto a seconda della regione globale del gioco a cui stai giocando.

Con i giochi PS1 e PS2, invece, dovrai trovare tu stesso i file BIOS rilevanti (puoi trovarli online) e metterli nella cartella “sistema” di Retroarch sul tuo dispositivo Android.

Puoi trovare maggiori dettagli sull’emulazione PS1 su Retroarch nella nostra guida. È per la versione desktop, ma si applicano le stesse regole generali. Quando si tratta di BIOS, quelli di cui avrai bisogno sono i seguenti:

  • scph5500 (NTSC – Giappone)
  • scph1001 (NTSC – USA)
  • scph5502 – (PAL – Europa)
  • scph5552 (PAL – Europa)

Altre informazioni

Dal menu rapido per un dato core, hai tutti i tipi di funzionalità. Se stai eseguendo un gioco, puoi andare al Menu rapido per “Salva stato” e “Carica stato” (una manna dal cielo se stai giocando a giochi NES senza salvataggi).

Se non hai un core caricato, puoi andare al “menu Impostazioni -> Input -> Input Hotkey Binds” per impostare pulsanti rapidi per cose come Save State, Rewind e, soprattutto, “Menu toggle”, che richiede si al menu Retroarch. (Su un controller PS4 mi piace impostarlo come pulsante PS.)

retroarch-for-android-guide-menu-toggle

Tra le molte altre caratteristiche interessanti nel menu Impostazioni c’è “Obiettivi”, che collega Retroarch con retroachievements.org, sbloccando risultati per migliaia di giochi retrò!

retroarch-for-android-guide-realizzazioni

Questa guida dovrebbe essere più che sufficiente per iniziare con il meraviglioso Retroarch per Android. Come probabilmente avrai notato, Retroarch è ricco di funzionalità, rendendolo una tana di coniglio particolarmente profonda e divertente da abbattere. Abbiamo un sacco di correzioni per la versione desktop di Retroarch che non funziona, alcune delle quali possono essere applicate alla versione Android. Se vuoi dilettarti nel lato oscuro, consulta il nostro elenco delle migliori app di hacking Android.

Relazionato:

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

[pt_view id="5aa2753we7"]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *